1- Scegli il giusto combustibile

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

2- Conservala in un deposito

Essicca la legna già tagliata e spaccata nelle giuste misure e conservala in un deposito ben arieggiato e per un minimo di 2 mesi.

3- Attenzione alla corretta accensione

Inserisci la legna in modo leggero e a croce, nella pezzatura di max. 7-10 cm. E’ possibile utilizzare della carta ma solo in quantità minima.

4- L'accensione

Prima dell'accensione apri completamente le aperture dell'aria.

5- Esegui periodicamente la pulizia della cenere

Controlla che la camera di combustione e il cassetto siano puliti, in caso contrario rimuovi la cenere per evitare che questa possa peggiorare la combustione.

6- La canna fumaria

La canna fumaria si sporca a prescindere dal materiale con cui è costruita, pertanto va pulita regolarmente. Se non siete attrezzati per farlo potete rivolgervi ad uno spazzacamino. Un utilizzo giornaliero della stufa necessiterà di una pulizia annuale. Oltre a rispettare l'ambiente, lo stesso generatore di calore della stufa funzionerà meglio e avrà una durata maggiore.

7- La consulenza dell'esperto

Si consiglia di consultare sempre l'esperto prima di acquistare una stufa o una cucina a legna. Impianti dimensionati correttamente permettono un impiego ed una combustione ottimale.